Melania Moltelo (24/07/1997) si è laureata in Filosofia all’Università degli studi di Napoli Federico II con una tesi in Estetica dal titolo “Estetica e politica: il surrealismo come esperienza rivoluzionaria”, a partire da un saggio di Walter Benjamin del 1929. Attualmente prosegue la sua ricerca sulle tematiche benjaminiane, con una particolare attenzione ai lavori di Ferruccio Masini e alla messa a fuoco di una crisi della soggettività auto-fondata e dei molteplici risvolti socio-politici come portato delle espressioni artistiche d’avanguardia.

. Fotografia e femminismo. Uno sguardo agli anni Settanta
Il mito del “genio”. La critica dell’arte di Linda Nochlin
. Artecrazia. Macchine espositive e governo dei pubblici: un testo di Marco Scotini
L'arte dal punto di vista della vita
. Creazione e resistenza in Gilles Deleuze
. Il surrealismo. Sul motivo dell’ebbrezza
. Millepiani 42 e il motivo del deserto
Letteratura come accumulo di roba sparsa. A partire da Gianni Celati
. Vite eccentriche: a partire da Ferruccio Masini
Su Ferruccio Masini. Una conversazione con Ubaldo Fadini
. Il 'mito d'oggi' del turismo
. Bambini nella bruma: l’arte di vagabondare
. Cinici di professione